Il Sorriso di Stefano: tra Poesia e Alzheimer

Non è facile spiegare in poche righe chi è Sabina Claudia Janner, la sua identità e il suo ruolo di poetessa. La poesia le serve per “vivere”, per far vivere gli altri andando al di là della sua malattia, l’Alzheimer, il respiro chiuso tra i denti, il buio, i ricordi che piano piano  vanno via.

La stessa malattia che non è limite ma al contrario conoscenza, curiosità. La malattia come portatrice di effetti rinnovatori, salvifici, un bene doloroso e sconosciuto che comunque vale la pena di essere vissuto a pieno.

Nelle sue due raccolte migliori ” Dappertutto” e “Sonata a quattro mani” si sottolinea il legame tra versi e malattia. Dappertutto è il luogo in cui si svela agli uomini la bellezza e la bontà della creazione, mentre Sonata a quattro mani è l’angelo custode che non si vede ma si sente, che protegge, che tiene per mano e che viene in aiuto.

Bellissimo il finale, il modo in cui si congeda dal lettore in “Sonata a quattro mani” rifacendosi alle parole di Beatrice pronunciate nel secondo canto dell’Inferno di Dante in risposta a Virgilio dove si sottolinea la sensibilità dell’autrice, una donna in pace con se stessa e con gli altri, fermamente convinta che l’amore sia l’unica risposta alla solitudine e alla paura degli uomini.

Dalle parole del figlio di Sabina l’autrice, Ettore Rocca, scopriremo tante altre emozioni e sentimenti nascosti tra i versi, indagheremo sui momenti di buio e di luce.

Appuntamento a venerdì 8 novembre ore 17.00 presso il Centro Polivalente il Sorriso di Stefano in via Vincenzo Acquaviva, n.37.

INVIA CV ED ENTRA IN SQUADRA!

Il nostro Gruppo seleziona periodicamente personale da inserire nelle varie mansioni disponibili, sempre attento a valutare skill e competenze di rilievo

DIPLOMA SUPERIORELAUREAMASTER


X
Lavora con noi